Canchanchara: come bere il miele e il rum!

Miele e rum… Mica male se sono tutte e due di nobili qualità! Vero?

Così, un poco per la passione del miele e del rum agricolo, mi sono imbattuto in questa scoperta estiva; si tratta di una piccola scoperta perché già altri appassionati dei cocktail o delle tradizioni caraibiche (vedi note) hanno da tempo presentato stupendamente questa “miscela potente”.

In effetti se a questa miscela alcolica aggiungiamo del lime (succo e scorza o la sua più delicata pelle sottile, verde smeraldo) ecco che abbiamo una bevanda che era definita “terapeutica” nella regione equatoriale.

Forse in origine al posto del rum, molto costoso, il povero Cubano o Antillano usava le economiche aguardientes, bevande alcoliche ottenute dalla fermentazione della frutta (mango, banana, uva, corbezzolo, manioca), forse da riscoprire con un’altra prospettiva. Quella della folk-medicine. Comunque in mancanza dell’aguardiente un buon rum “collabora” bene alla preparazione di questo rimedio caraibico, noto come Canchanchara, bevanda dal sapore estivo per noi che viviamo questa estate torrida.

Il miele, che partecipa nello stesso volume del succo di lime, trova nell’alcol un veicolo di pronto accesso gastrico, un po’ come le preparazioni idroalcoliche a cui siamo abituati in apiterapia (propoli). La presenza del succo di lime è la versione caraibica del nostro limone (biologico, fresco e verde!), che per la storia di questo agrume esotico, potrebbe essere sostituita dal più economico frutto mediterraneo. In effetti il lime fu piantato in terra subtropicale per sconfiggere lo scorbuto, malattia indotta da una dieta povera di frutta e verdure fresche, che induceva perdite imponenti tra i marinai durante le lunghe traversate degli oceani. Il povero limone coltivato nel mar Mediterraneo non attecchiva a quelle latitudini e tra gli agrumi meglio “performanti” con quel clima, anche se con meno vitamina C, c’era solo il lime. 

Per altro, non è strano trovare la stessa preparazione con l’aggiunta del peperoncino piccante, altra diabolica presentazione della bevanda che aggiunge tutta la potenza terapeutica di questo prodotto della terra (i Calabresi insegnano!) e, guarda caso, un’extra dose di vitamina C.

Con le ricette riportate si potrà bere una bevanda molto piacevole d’estate (se aggiungiamo dell’acqua frizzante o del ghiaccio, a seconda del nostro gusto) ma anche in inverno, con l’aggiunta di acqua tiepida (40°C max, per non impoverire il miele e il lime/limone delle proprie virtù potenziali), come era in origine usata questa bevanda.

Bellissima è l’idea di usare tazze in terracotta, come suggerito in vari blog, per le note doti della terracotta, se ben lavorata, di essere neutra ai sensi, ed in più un isolante termico. La terracotta poi dona al miele, al lime o limone, un valore naturale che è bello riscoprire.

Tra le note che vorrei aggiungere per la parte di apiterapia per questa ricetta, la presenza del miele è importante: quale miele? Il “neutro” miele di acacia, o il robusto miele di melata, i magnifici e colorati mieli di girasole, colza o gli odorosi mieli di rosmarino e timo? Tanti mieli e tanta forza della natura in essi!

E se poi, trovato il “nostro” miele, lo unissimo, rimestandolo delicatamente con cura, al succo di agrume anche non filtrato, lasciandolo maturare per qualche ora in frigo dove collocare anche le nostre tazze di terracotta, beh, cari miei, la canchanchara sarà gustosissima.

Come nota di chiusura, ricordo che l’alcol ha tante splendide applicazioni salutistiche, ma deve essere sempre usato con moderazione. Alla salute! 

(Dosi: 5 cl di rum, 1,5 cl di miele, 1,5 cl di lime)

Note.

  1. https://www.travelcake.net/canchanchara-cuban-cocktail-recipe/
  2. https://www.giannizottola.com/2021/05/17/canchanchara-dalle-origini-ad-oggi/
  3. https://cocktail-society.com/recipes/canchanchara/
  4. https://winedharma.com/ricette/canchnchara-cocktail-la-ricetta-originale-cubana-con-rum-grezzo-miele-lime/
  5. https://www.diffordsguide.com/cocktails/recipe/570/canchanchara
  6. https://www.giannizottola.com/2017/03/01/canchanchara-beelove/

a cura del dr. Piero Milella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...