Il miele a tavola è un argomento quasi tabù

miele cucinaIn un testo di alimentazione ben conosciuto perché sembrava, qualche anno fa, prossimo all’eresia (1) era raccomandato tra i rimedi per la stipsi. Era il 2004. Un anno dopo il miele guadagnava l’attenzione in un trattato entusiasmante (2) come “alimento terapeutico che risale ad epoche preistoriche”. Anche in libri coraggiosi più recenti (3) al miele viene relegato un ruolo di misera comparsa perché, come in tanta letteratura scientifica, trattato tra i dolcificanti e così assimilato al “velenoso” zucchero bianco, allo sciroppo di fruttosio e glucosio, allo “spregevole” HCFS (high-fructose corn syrup) eccetera. Continua a leggere

Come il miele migliora il metabolismo del glucosio

miele-diabetePuò il miele migliorare il metabolismo del glucosio rispetto a ciò che avviene con altri dolcificanti?

Alcune ricerche sembrano indicare che ciò possa avvenire per l’inibizione di un particolare enzima, presente vicino alla membrana cellulare (PTP1B), che regola, con altri, la via di segnalazione della presenza dell’insulina. Questo ormone, troppo grande per entrare nelle cellule, si avvale di “antenne” proteiche delle membrane cellulari che, captata la presenza dell’ormone esternamente, attuano nella cellula tutte le azioni indotte dalla sua presenza.  Continua a leggere