LA BIODIVERSITA’ FAVORISCE LA SOPRAVVIVENZA DEGLI IMPOLLINATORI

La rigogliosa gamma di fiori di un prato ha bisogno di un’intera falange di api per impollinarli, molto più delle api da miele e dei bombi che la maggior parte delle persone conosce, secondo un nuovo studio di un team di ricercatori tra cui l’entomologo Michael Roswell dell’Università del Maryland. Roswell ha contribuito a dimostrare che le api meno comuni sono molto più importanti per la salute dell’ecosistema di quanto documentato in precedenza.

Le ricerche precedenti sulle api come impollinatori tendevano a concentrarsi su piante specifiche – spesso colture – o su intere comunità di piante come se fossero una singola entità. Questo tendeva a enfatizzare eccessivamente il contributo delle api più comuni, soprattutto perché il 2% delle specie di api forniva l’80% dell’impollinazione nelle colture. Ma nessun lavoro precedente aveva posto la domanda fondamentale: Quante specie di impollinatori sono necessarie per impollinare tutte le specie in una data comunità di piante?

Roswell e i suoi colleghi hanno ora dimostrato che più specie di piante ci sono, più specie di api sono necessarie per l’impollinazione. Hanno scoperto che le api meno comuni spesso visitavano piante specifiche che altre non visitavano. Le loro scoperte gettano nuova luce sul ruolo delle specie rare negli ecosistemi-critici per gli sforzi di conservazione, perché le specie rare sono più a rischio di estinzione per la perdita di habitat, inquinamento, cambiamento climatico e altri fattori. Lo studio è apparso il 13 aprile 2022 negli Atti della Royal Society (1).

“Il nostro lavoro mostra che le cose che sono rare in generale, come gli impollinatori poco frequenti in un prato, possono ancora servire funzioni davvero importanti, come impollinare le piante che nessun altro impollina”, ha detto Roswell. “E questo è un ottimo argomento per spiegare perché la biodiversità è importante”.

I ricercatori hanno esaminato 10 appezzamenti nel New Jersey che includevano prati selvatici e campi seminati per un anno. Hanno osservato le api di oltre 180 specie fare quasi 22.000 visite a oltre 130 specie di piante diverse. Il team ha usato questi dati per stimare i servizi di impollinazione che ogni tipo di ape ha fornito a ciascuna pianta, perché i visitatori floreali più frequenti di una pianta sono tipicamente i suoi impollinatori più importanti.

Le loro analisi hanno mostrato che un’intera comunità di prati contava da 2,5 a 7,5 volte più specie di api per l’impollinazione di una singola specie di pianta tipica. Hanno anche scoperto che le specie localmente rare rappresentavano fino al 25% delle importanti specie di impollinatori, e questo numero era maggiore nei prati con la maggiore diversità di piante. Questo suggerisce che su scale più grandi come interi ecosistemi, il numero di specie localmente rare che sono importanti per l’impollinazione è ancora maggiore.

“Stavamo guardando i prati che potrebbero essere di pochi acri”, ha detto Roswell, “ma un’ape tipica vola su un paio di miglia quadrate, che è un paesaggio davvero grande e complicato pieno di diversi tipi di piante che fioriscono in tempi diversi e sono visitate da diversi insetti. Su quella scala, è probabile che una maggiore diversità di impollinatori sia importante”.

  • Tratto da: Beyond the honeybee: How many bee species does a meadow need?

by University of Maryland Phys

Simpson, Dylan T.; Weinman, Lucia R.; Genung, Mark A.; Roswell, Michael; MacLeod, Molly; Winfree, Rachael (2022): Supplementary material from “Many bee species, including rare species, are important for function of entire plant–pollinator networks”. The Royal Society. Collection. https://doi.org/10.6084/m9.figshare.c.5901174.

a cura del dr. Piero Milella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...